fbpx

Poliambulatorio Medico Chirurgico Enrico Filippini

Orari : Lun - Ven : 8.00 - 20.00 | Sab: 8.00 - 14.00
  Contatto : +39 030 2807547

Problemi di erezione post Covid: perché si verificano e come risolverli

Sono moltissimi gli uomini colpiti da Covid-19, da quando ha avuto inizio la pandemia. Molti uomini guariti dal Coronavirus, anche senza aver avuto sintomi pesanti, lamentano problemi erettili di vario tipo, anche per mesi dopo la guarigione. Qual è il legame tra le difficolta di erezione e una recente infezione da Covid-19 e, soprattutto, come risolvere il problema rivolgendosi al giusto specialista?

Problemi di erezione legati al sistema circolatorio del pene

Ormai è risaputo che il Coronavirus impatta sull’intero sistema circolatorio dell’organismo. I vasi sanguigni del pene non fanno eccezione in questo senso. In effetti, un’infezione o una tendenza del sangue a coagulare possono impedire all’endotelio, il rivestimento più interno dei vasi sanguigni, di assolvere alla propria importantissima funzione, senza la quale l’erezione non può avvenire.

Covid e testosterone: quando la mancanza di erezione dipende dagli ormoni

Un altro modo in cui il Covid-19 può compromettere la funzionalità sessuale maschile è legato al sistema ormonale. In questo caso, il virus entra direttamente all’interno del testicolo, alterando la formazione di spermatozoi e di testosterone, ovvero l’importantissimo ormone che regola il funzionamento della sessualità nell’uomo.

Disfunzione erettile da Covid: può dipendere dalla stanchezza cronica

Difficoltà di concentrazione, debilitazione, fino ad arrivare ad una vera e propria stanchezza cronica, possono accompagnare anche per mesi il paziente, dopo la guarigione da Covid-19. Sappiamo bene come questi problemi si ripercuotano pesantemente sul funzionamento della sfera sessuale, portando a un calo della libidoimpotenza sessuale e disfunzioni dell’eiaculazione.

Risolvere i problemi di erezione legati al Covid-19

Uno studio dell’Università di Tor Vergata ha dimostrato come la disfunzione erettile sia cinque volte più frequente in uomini che hanno avuto un’infezione da Covid-19. Per questo motivo nel Poliambulatorio Medico Chirurgico Filippini di Brescia sono numerosi i pazienti che si sono rivolti al nostro team di andrologi ed endocrinologi per risolvere il loro problema di impotenza post Covid.
Ecco come aiutiamo questi pazienti a riacquistare pienamente il proprio vigore e a riconquistare una vita sessuale soddisfacente.

Identificare la causa dei problemi di erezione

È inutile fare supposizioni in merito alle cause della propria impotenza. Assumere vitamine consigliate dagli amici o, addirittura, prendere farmaci senza una supervisione medica può essere pericoloso.
L’unico modo per risolvere il problema è quello di rivolgersi a un medico o a un ambulatorio in cui diversi specialisti possono aiutare a capire le cause, l’entità e le possibili soluzioni del problema.

Agire sulla circolazione e dire addio alla mancata erezione

Nel Poliambulatorio Filippini, da anni, curiamo e risolviamo problemi erettili dando particolare attenzione al funzionamento della circolazione sanguigna, cosa importante affinché si verifichi una buona erezione.

Proponiamo da lungo tempo tecniche di ginnastica peniena, volta ad aiutare gli elementi circolatori, muscolari e neurologici a tornare a funzionare correttamente. La ginnastica peniena proposta dall’Ambulatorio include tre importanti azioni:

  • Terapia del Caverject
  • Veicolazione transdermica
  • Somministrazione del farmaco che aumenta sia il desiderio sessuale sia la dilatazione dei vasi durante l’erezione.

Anche le tecniche di Iontoforesi curativa per la circolazione dei corpi cavernosi del pene e le onde d’urto ad alta frequenza possono essere un valido aiuto per il miglioramento della funzionalità peniena.

Risolvere i problemi endocrini alla base dei disturbi di erezione

Quando il Covid-19 ha intaccato la produzione o la qualità del testosterone, allora lo specialista interessato sarà l’endocrinologo. La mancanza di testosterone può essere sopperita con l’assunzione di farmaci, anche naturali. Se poi al Covid si aggiunge l’avvicinarsi dell’andropausa, possono venire in aiuto gli ormoni bio identici.
Infine, quando c’è stanchezza sessuale, può accorrere in aiuto il testosterone naturale, che migliora il tono, l’umore e la forza muscolare, senza avere gli effetti collaterali di una terapia sostitutiva ormonale vera e propria.