Poliambulatorio medico chirurgico dottor Enrico Filippini

Orari di apertura : Da Lunedì a Venerdì : 8.00 - 20.00 | Sabato: 8.00 - 14.00
  Contatto : +39 030 2807547

L’attività fisica riduce il problema dell’impotenza?

Impotenza e attività fisica sono sempre stati frutto di grandi lavori e notevole ricerca scientifica. Anche i medici del poliambulatorio medico chirurgico dottor Enrico Filippini si sono sempre interrogati sugli effetti del movimento fisico, dell’attività fisica sull’impotenza.

Correlazione impotenza e attività fisica

In effetti i risultati scientifici sono confortanti: una buona e costante attività aerobica come quella di camminare un’ora tutti i giorni o nuotare o fare un buon cardiofitness riesce a spostare la lancetta dell’orologio biologico e ritardare l’invecchiamento dell’organo sessuale maschile e delle ghiandole endocrine. L’effetto positivo lo si deve soprattutto ai vasi del pene e alla circolazione in generale. Per questa ragione ai nostri pazienti che sono affetti da problemi di impotenza totale o anche che hanno difficoltà a mantenerla o a raggiungere gradi di rigidità del pene soddisfacenti, proponiamo programmi di esercizio fisico aerobico. Abbiamo detto che l’attività fisica agisce positivamente sull’impotenza attraverso la migliore circolazione arteriosa del pene, una nuova linfa vitale.

Trovi interessante questo articolo? Iscriviti alla nostra newsletter per ricevere altre novità, promozioni e consigli

Iscriviti alla newsletter

L’alternativa indolore

Ma la vera e innovativa rigenerazione del sistema circolatorio arterioso e venoso dei corpi cavernosi del pene la otteniamo con le onde d’urto a bassa intensità. La nuovissima tecnologia scoperta dai tecnici israeliani è fondamentale per coloro che soffrono di impotenza ad avere erezione e un soddisfacente rapporto sessuale a causa di problemi vascolari circolatori. Pazienti diabetici o pazienti ipertesi o  fumatori; pazienti con colesterolo e trigliceridi alti o con l’addome ricco di grasso possono d’ora in poi evitare di pensare all’utilizzo di pillole e pillolette magiche ma anche potenzialmente e drammaticamente pericolose! Le onde d’urto a bassa intensità con il loro manipolo brevettato per l’utilizzo sul corpo cavernoso riescono in poche sedute terapeutiche a liberare i vasi ostruiti e soprattutto a crearne nuovi e vigorosi. Un pene giovane potremmo dire, progressivamente rivascolarizzato e con nuovi vasi pronti e reattivi al desiderio sessuale e soprattutto in modo naturale come a vent’anni.

La terapia è completamente indolore, paragonabile a una semplice ecografia.
Contattaci subito per una visita dall’andrologo →